domenica, novembre 27, 2005

mercoledì, novembre 16, 2005

E così la ranocchietta si muove...

...e si fa sentire!
Ormai non è solo la mamma a sentirla: se si poggia la mano sulla pancia, se ne distinguono chiaramente i movimenti.
Ormai è inequivocabile: c'è davvero qualcuno là dentro.
Qualcuno che ci sente, quindi qualcuno con cui parlare anche.
Qualcuno che ci sente e, se oltre a sentire, comprende, chissà che idea si è fatta del mondo esterno.
Magari, per lei, l'universo finisce nella sacca amniotica e le voci esterne le interpreta come manifestazioni divine: ci sno là fuori due divinità maggiori che, continuamente, si fanno sentire.
C'è un dio cattivo, la mamma, che dal giorno del concepimento non le ha fatto mai mancare anatemi e maledizioni per le sofferenze che passava, dalle nausee ai mal di schiena, fino alle rinunce alimentari.
C'è poi un dio buono, il papà, che invece si rivolge alla pancia in modo affettuoso, tempestandola di coccole.
Ci sono poi anche delle divinità minori, voci che la bambina sente meno frequentemente, ma che quando si fanno sentire, sono altrettanto insistenti: c'e' la dea "falla muovere" (la zia Cocca), la dea "mi senti sono la nonna, ciao" (la nonna Lia), il dio "so this is christmas" (Tano).
La teologia, e le conseguenti teofanie, potrebbero continuare, però forse è meglio fermarci qua.

giovedì, novembre 03, 2005

Ecografia di accrescimento...

...e, a quanto pare, si sta accrescendo bene!
Alla precedente ecografia non era stato possibile vedere se si trattava di un cucciolo o di una cucciola.
La mamma sentiva che era femmina (una mamma, d'altro canto, certe cose le sa), ma il papà non si fidava.
Così, quando la dottoressa ha chiesto se conoscevamo già il sesso, il papà ha prontamente risposto "No"
"Volete saperlo?" Ribattè la dottoressa.
"Si", controbattè ancora più prontamente di prima il papà.
"E' una bella ragazza!"
Così, alle 16:15 del 3 novembre 2005 si è sciolto il mistero sul nome da dare all'erede.
Si chiamerà...